Storia

L'anno di fondazione di Alti Polimeri nell'allora sede di Barbaiana di Lainate (MI). Fin da subito l'azienda si impone all'attenzione del settore bottoniero e accessori moda per la qualità di lavorazione del poliestere.

I semilavorati firmati Alti Polimeri diventano presto uno standard di mercato riconosciuto e apprezzato da grandi e piccole realtà industriali italiane ed estere.

Nell'83 Alti Polimeri viene trasferita nell'attuale sede di Pontoglio, in provincia di Brescia, dove tuttora si svolge la produzione di semilavorati plastici per il settore moda, design e non solo.
 
È un anno decisivo per l'azienda, che entra a fare parte del Gruppo Bonetti, leader nella progettazione e fabbricazione di macchine per la produzione di bottoni e semilavorati plastici.

La produzione di Alti Polimeri viene arricchita nel 2013 dall'acrilico (PMMA), materiale complementare al poliestere ma con applicazioni differenti, disponibile in una gamma vastissima di colori, finiture ed effetti.

Anche questa scelta si dimostra vincente, merito delle caratteristiche  innovative dell'acrilico e della possibilità di eseguire lavorazioni su misura.

A distanza di oltre 70 anni dalla fondazione, Alti Polimeri continua a investire in ricerca, sviluppo e innovazione, forte dell'esperienza maturata sul campo e delle molteplici tecnologie a disposizione.

Nei prossimi anni contiamo di allargare i nostri orizzonti ed  entrare in nuovi mercati, consapevoli della responsabilità che abbiamo verso i clienti acquisiti e le aziende di domani.

filosofia

La nostra filosofia aziendale nasce e si sviluppa intorno alle esigenze del cliente.
Fin dalle origini abbiamo lavorato per raggiungere un obiettivo ben preciso: garantire una produzione su misura che fosse al tempo stesso applicabile su larga scala.

Non solo quindi semilavorati personalizzabili fin nei minimi dettagli, bensì forniture senza limiti di quantità capaci di mantenere inalterata la qualità e di rispondere in pieno alle aspettative del cliente.
 
Obiettivo raggiunto grazie alla costante ricerca di soluzioni all'avanguardia e ai continui investimenti nello sviluppo di materiali sempre più performanti, in grado di assicurare flessibilità di impiego e standard di durata, resistenza ed estetica eccellenti.
 
Lo sforzo compiuto in questo senso è stato enorme, ma ci ha consentito nel lungo periodo di crescere fino a conseguire standard di precisione, affidabilità e padronanza dei materiali superiori. Tutto questo, come sempre, con lo sguardo rivolto al futuro.

Bonetti

Fin da quando, nel 1983, è stata avviata la partnership con il Gruppo Bonetti, la storia di Alti Polimeri è cambiata. Da allora siamo diventati il cuore pulsante dell'attività di ricerca e sviluppo di materiali e tecnologie al fine di soddisfare le esigenze dei clienti. 

Lavorare al fianco di un'azienda che, di fatto, è leader mondiale nella realizzazione e distribuzione di macchine per la produzione di bottoni, ha creato una sinergia virtuosa, a sua volta base di uno sviluppo costante della tecnologia produttiva.

Un circolo virtuoso che continua tutt’oggi e si alimenta di nuove conquiste nel campo dei semilavorati in acrilico e poliestere. I vantaggi per entrambe le aziende sono evidenti e si riflettono sul servizio e sul prodotto finale, di gran lunga più competitivo.
 
Cambiano le applicazioni, cambiano le richieste di mercato, cambiano le tecnologie, quello che rimane invariato è il lavoro quotidiano per raggiungere un’efficienza e una qualità produttiva al top di gamma.
E la storia continua...

Storia Bonetti

1924. È in quest'anno che inizia l'attività di produzione di bottoni in madreperla a opera del Cav. Francesco Bonetti. Trent'anni dopo, grazie all'intraprendenza e lungimiranza dei figli Alberto, Ferrante e Dario, l'azienda evolve e si specializza nella progettazione e realizzazione di macchine e impianti per la produzione di bottoni.

Nasce ufficialmente la Bonetti, che in breve tempo si conferma come un punto di riferimento per il settore bottoniero e accessori moda, non solo in Italia ma anche nel mondo.

Un traguardo tanto ambizioso quanto concreto, frutto sia dell'innovazione perseguita dai figli di Francesco, sia della cura nella scelta dei materiali tramandata dal padre, attento alla qualità delle conchiglie da cui venivano ricavate madreperla e trocas.

Il bottonificio Francesco Bonetti fu senza dubbio il primo successo da parte del futuro Gruppo Bonetti.

A questa sinergia se ne aggiunsero in seguito altre. L'azienda Gremolith Italia per la Galalite prima (1980) e la Alti Polimeri per il Poliestere poi (1983).
Due tappe fondamentali che permettono al Gruppo Bonetti di rispondere alle nuove richieste di mercato e fornire, accanto alle macchine per la produzione di bottoni, una gamma completa di semilavorati plastici disponibili nei formati, nelle dimensioni, nei colori e negli effetti più disparati.

Lo stesso 1983 che aveva visto l'acquisizione della Alti Polimeri segna l'ingresso nel mercato delle rivoluzionarie macchine a doppia testa per la lavorazione in automatico di fronte e retro del bottone, il cui vertice verrà raggiunto dai modelli NOVA.

Nel 1994, settant'anni dopo la fondazione del Bottonificio Bonetti a Rudiano (provincia di Brescia), il Gruppo Bonetti introduce per primo la tecnologia laser nella produzione di semilavorati e accessori moda.
È un ulteriore, ennesimo passo avanti lungo la strada dell'innovazione, a cui si accompagnano conquiste tecnologiche più recenti frutto dell'incessante attività di ricerca e sviluppo portata avanti in collaborazione con Gremolith Italia e Alti Polimeri.

Tra i risultati più interessanti spicca, a partire dal 2014, l'affiancamento del materiale acrilico al classico poliestere, e la conseguente inaugurazione di una nuova era in cui protagoniste sono le lavorazioni di design per oggettistica, arredamento, accessori moda e molto altro ancora. Idee e sviluppi inediti che hanno permesso e permetteranno ai nostri clienti di realizzare progetti in ogni ambito con la massima soddisfazione.